Carreri, no del Csm al suo rientro in magistratura
Breaking News

Carreri, no del Csm al suo rientro in magistratura

Vicenza – Il triste paese degli Yes men non si smentisce mai. Sta facendo discutere e certamente divide il no del Consiglio superiore della magistratura di rigettare la richiesta di reintegro nei ranghi della giustizia dell’ex giudice vicentino Cecilia Carreri, che si dimise nel 2009 dalla magistratura sulla scia di accuse riguardanti assenze per malattia che le venivano mosse, ma che soprattutto, in precedenza, aveva chiesto di processare Gianni Zonin ed i vertici della Banca Popolare di Vicenza, assai prima che il bubbone scoppiasse, quando cioè l’istituto di credito berico faceva il bello ed il cattivo tempo in città e non solo. Già allora i più avveduti avevano capito cosa stava succedendo…

“Vogliono tenermi lontana, forse perché sono una ficcanaso” ha scritto la Carreri sul suo profilo Facebook, dando ella stessa la notizia del diniego del Csm. La Carreri, merita ricordarlo, oltre ad essere una donna di legge è anche una velista ed una alpinista. Ed è una scrittrice anche, visto che non ha mancato di dare alle stampe dei libri, negli ultimi anni, sulle scottanti questioni di attualità delle quali si era occupata. Ragione in più questa, forse, per “tenerla lontana”. Tra i primi, a Vicenza, a manifestare solidarietà a Cecilia Carreri e rammaricarsi per la decisione del Csm, ci sono oggi proprio i risparmiatori rimasti vittime del crac della BpVi.

“Esprimiamo la nostra amarezza per questa decisione – scrive in una nota l’associazione Noi che credevamo nella Banca Popolare di Vicenza -. Non entriamo nel merito, ma facciamo una semplice considerazione: è indiscutibile il fiuto che l’ex magistrato ha dimostrato nell’indagare su una vicenda quella di Popolare di Vicenza che, all’epoca della sua inchiesta, sembrava un regno ovattato e dorato. Quel fiuto avrebbe potuto evitare l’abisso della banca e il disastro economico del nostro territorio”.

“Evidenziamo comunque – conclude l’associazione di risparmiatori – che un processo penale è oggi in corso e ci dichiariamo, come associazione, assolutamente disponibili ad ascoltare e validare qualunque suggerimento in merito l’ex magistrato volesse fornirci”.

Un commento

  1. Mi piace molto la motivazione del CSM, specie nel paragrafo dove dice: “le valutazioni espresse dal Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, Direzione Generale dei Magistrati del 15 dicembre 2019 e trasmesse al Consiglio Superiore della Magistratura il 19 dicembre 2017”. Un evidente un caso di paranormale. E’ il primo caso di un organo giudicante che delibera avendo previsto il futuro …
    “Quel giudice sta dando decisamente fastidio”
    https://www.themisemetis.com/corruzione/quel-giudice-sta-dando-decisamente-fastidio/194 8/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *